Osservatorio Sana 2020: tutti i numeri del bio

Nell’e-commerce registrato un incremento del 143%. Le vendite bio nel mercato interno italiano hanno superato i 4,3 miliardi di euro

 Continua a rafforzarsi il biologico italiano. Negli ultimi 12 mesi –  fino ad agosto 2020 – le vendite bio nel mercato interno italiano hanno superato i 4,3 miliardi di euro. Ottime anche le performance registrate nell’e-commerce dove le vendite di biologico hanno messo a segno un incremento del 143%. In crescita anche l’export con un incremento dell’8% rispetto all’anno precedente.

Questa la  fotografia scattata dall’Osservatorio Sana 2020 presentato al Sana Restart, la fiera vetrina del mondo biologico tenutasi a Bologna dal 9 all’11 ottobre scorso.

Cresce l’agricoltura bio

Per prima cosa nel 2019 è cresciuta la superficie agricola dedicata al bio: + 35.000 ettari rispetto al 2018. (+1,8%), sfiorando i 2 milioni di ettari. Un dato che conferma un trend ormai consolidato che negli ultimi 10 anni ha visto aumentare del 79% la superficie bio nel nostro Paese. Con questi numeri oggi l’Italia rappresenta il terzo Paese  europeo per superficie bio, davanti a noi in numeri assoluti solo Spagna (2,35 milioni di ettari, +4,8% rispetto al 2018) e Francia (2,241 milioni di ettari, +10,1% rispetto al 2018). Se si considera, però, il dato percentuale della superficie bio sul totale della Sau, l’Italia è in testa con il 15,8%, mentre la Spagna si ferma al 10,1% e la Francia all’8,1%. Significativa anche la crescita del numero degli operatori biologici: 80.643 nel 2019 (+2% rispetto al 2018).

I numeri del mercato biologico

Se le vendite di biologico italiano sul mercato interno hanno superato complessivamente i 4,3 miliardi di euro, di questi 3,9 miliardi sono riferibili ai consumi domestici (+7% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente) e poco meno di 500 milioni di euro all’away from home (-27% rispetto all’anno precedente). Calo da mettere in relazione con il lockdown nei pubblici esercizi e con gli effetti della didattica a distanza e dello smart working per  quanto riguarda il segmento della ristorazione collettiva.

L’andamento del mercato domestico conferma una crescente attenzione dei consumatori italiani verso i prodotti green, local e sostenibili. Ne sono conferma sia l’andamento del carrello di prodotti green nella grande distribuzione  (2,4 milioni di euro nel 2019, +5% rispetto al 2018), sia il progressivo incremento delle famiglie acquirenti. Nel 2020 infatti l’88% delle famiglie ha avuto almeno una occasione di acquisto di un prodotto bio rispetto al  53% del 2012.

Il boom delle vendite on-line

Crescita a 3 cifre invece per l’e-commerce. Qui le vendite di biologico – che rappresentano il 7% del totale e-grocery – hanno registrato un incremento del 143%: decisamente superiore a quello delle vendite online di prodotti alimentari in generale (+125%). Le vendite di bio dell’e-commerce anche a lockdown concluso hanno continuato a mantenere un ritmo di crescita elevato riportando un +182% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente  (contro un +172% dell’e-grocery).

 

 

 

Altri articoli

Cresce sui social la mobilitazione per spingere la Commissione Ue a ritirare la Pac appena votata giudicata deludente e non in linea con gli obiettivi

Sotto accusa la relazione dell’agenzia federale tedesca preposta alla valutazione dei rischi sull'uso del glifosato. Polemica a poche ore dal voto d

Una ricerca belga evidenzia disturbi nella maturità sessuale e nelle cure parentali provocati a livello genetico da alcuni componenti di pesticidi, f

Il teologo Paolo Benanti parla del Sinodo sull’Amazzonia previsto dal 6 al 27 ottobre: “La biodiversità e la varietà genetica offrono risposte a