Honeyland: il regno delle api

Il film racconta la vita di un’apicultrice macedone che segue la regola “prendi metà, lascia metà”

 Prendi metà, lascia metà”: è la regola che viene scrupolosamente rispettata nella raccolta del miele dai favi selvatici da Hatidze Muratova. Per lei – una donna che vive in un piccolo villaggio della Macedonia – le api non sono solo una ragione di vita, ma la vita stessa. Per questo si prende cura delle api e non dimentica mai di lasciar loro metà del miele.

Una storia raccontata da Honeyland – Il Regno delle Api, film vincitore al Sundance Film Festival e candidato agli Oscar 2020 come miglior documentario e miglior film internazionale per la Macedonia del Nord. Il film, le cui riprese sono durate in tutto 3 anni, si basa sulla vita di uno degli ultimi apicoltori selvatici d’Europa che raccoglie il miele utilizzando antichi metodi tramandati di generazione in generazione.

Per lei  – che vive a Bekirlija, un villaggio abbandonato senza elettricità, acqua corrente o strade asfaltate –  raccogliere il miele e rivenderlo al mercato di Skopje è l’unica unica fonte di reddito. Ma non per questo dimentica quanto il suo destino sia legato a quello delle api, nella consapevolezza che la condivisione con le api è la chiave per la sua sopravvivenza e per quella del piccolo ecosistema che lei tutela. Una sopravvivenza – racconta il film – che rischia di essere messa a rischio dall’avidità degli uomini.

“Per poter comunicare con le api è necessario avere forza personale per avvicinarle, pazienza per imparare a domarle: uno stile di vita che non richiede forza ma saggezza”, dice Tamara Kotevska, regista del film insieme a Ljubo Stefanov.

Altri articoli

La presidente di FederBio ai microfoni di Radio24: il bio protegge in primo luogo gli agricoltori di Maria Pia Terrosi “Le api sono fortemen

Circa 1.000 alveari sono ospitati sui tetti di Parigi: da Notre Dome all’Opera. Perché le città si sono rivelate un ambiente più salutare per le

L'Autorità europea per la sicurezza alimentare aggiorna le proprie valutazioni sul rischio dei neonicotinoidi per le api mellifere e selvatiche. L'Eu

Un nuovo studio dell’organizzazione ambientalista Usa Friends of the Earth mostra che negli ultimi 25 anni è aumentato enormemente il carico di to