Agricoltura, arriva “Humus Job”

Un nuovo servizio dedicato all’assunzione di manodopera  e promuovere contratti etici e regolari, supportato anche da NaturaSì

di Barbara Battaglia


Una piattaforma indipendente di ricerca lavoro dedicata all’agricoltura e impegnata a favorire contratti etici. Si chiama Humus ed è un servizio di job matching per aziende e lavoratori agricoli, che promuove contratti equi e regolari.

La piattaforma online, lanciata non a caso lo scorso primo maggio, Festa dei lavoratori, ha già ricevuto più di mille candidature da parte di persone in cerca di un lavoro regolare nel settore agricolo.
L’incontro tra domanda e offerta è automatizzato: i lavoratori e le aziende si registrano sulla piattaforma. I lavoratori caricano i propri documenti di identità e dichiarano la propria esperienza e disponibilità a lavorare in agricoltura. L’azienda, attraverso una ricerca veloce, può visualizzare i profili dei lavoratori corrispondenti alla propria esigenza e richiedere un “match”, ovvero una corrispondenza. Alle aziende viene richiesta la sottoscrizione di un protocollo di trasparenza sulla contrattualizzazione e sulla dichiarazione delle giornate lavorative.
Alle imprese che assumono regolarmente i lavoratori, a fine anno, Humus rilascia un “bollino etico” di qualità del lavoro e ne racconta l’impatto sociale virtuoso. In questo modo le aziende possono pubblicizzare la propria sostenibilità sociale e il consumatore può supportare chi rispetta il protocollo di trasparenza acquistandone i prodotti.
Per supportare la start up, contribuendo alla campagna di equity crowdfunding che ha lanciato Humus, su Lita Italia si può investire una somma dai 100 euro in su e diventare soci.
Anche NaturaSì, storica rete di negozi biologici, ha deciso di sostenere attivamente il progetto.

 

 

 

Altri articoli

Un nuovo studio dell’organizzazione ambientalista Usa Friends of the Earth mostra che negli ultimi 25 anni è aumentato enormemente il carico di to

agricoltura sostenibile

L’Europa sta mettendo a punto un sistema di “certificati verdi” per incoraggiare le pratiche agricole che invece di aumentare la pressione della

Intervista di Cambia la Terra a Karl Bär,  referente per le politiche agricole e commerciali dell'Umweltinstitut München di Maria Pia Terrosi In

I dati della Campagna Cambia la Terra ripresi da un’interrogazione della senatrice ai ministri dell’Ambiente e dell’Agricoltura: ora maggiori co