Il Parlamento Ue chiede obiettivi vincolanti sulla biodiversità

A livello europeo e mondiale, approvazione della richiesta in vista della Conferenza delle Nazioni Unite del 2020 che si terrà a ottobre in Cina

di Redazione


Biodiversità, innanzitutto. “Per arrestare l’attuale tendenza alla perdita globale di biodiversità, la Cop15 dovrebbe portare a un accordo su obiettivi giuridicamente vincolanti con scadenze ben precise, chiari indicatori di prestazione e meccanismi di revisione inter pares o di segnalazione sulla base di norme comuni”. Il Parlamento ha adottato, in chiusura di plenaria a Strasburgo, la sua posizione in vista della Conferenza delle Nazioni Unite sulla biodiversità del 2020 (Cop15), che si terrà a ottobre a Kunming, Cina.

La Ue deve essere “un esempio”. Il Parlamento vuole che la “prossima strategia sulla biodiversità per il 2030 garantisca all’Ue un ruolo centrale, ad esempio: assicurando che almeno il 30% del territorio dell’Ue sia costituito da aree naturali; ripristinando almeno il 30 % degli ecosistemi danneggiati; integrando maggiormente la biodiversità in tutte le politiche; istituendo un obiettivo di spesa chiaro, di un minimo del 10%”, per l’integrazione della biodiversità nel bilancio a lungo termine 2021-2027.

Infine, i deputati sottolineano “il bisogno di assumere degli impegni forti a favore di sistemi alimentari e di agricoltura sostenibili, compresi obiettivi di riduzione vincolanti a livello dell’Ue sull’uso di pesticidi”. Pascal Canfin, eurodeputato francese, presidente della Commissione Ambiente, Sanità pubblica e Sicurezza alimentare ha dichiarato: “I punti cruciali per il Parlamento saranno la definizione di obiettivi europei e globali per la biodiversità, che dovrebbero includere una migliore protezione degli ecosistemi naturali, la riduzione dell’uso di pesticidi in Europa e la sostenibilità del settore agricolo e della pesca”.

Altri articoli

I sindaci C40: più verdure, meno carne, molti meno rifiuti alimentari, cibo da agricoltori biologici. L’esempio della Danimarca I sindaci di molte

La deputata Rossella Muroni esprime solidarietà agli attivisti anti pesticidi dell’Alto Adige e chiede all’assessore Arnold Schuler di passare da

La decisione  del sindaco di Langouët di vietare i pesticidi ha creato un vero caso nazionale costringendo lo stesso Presidente Macron a esprimer

Esponenti della coalizione Cambiamo agricoltura, con la presidente FederBio Maria Grazia Mammuccini, ascoltati dalla Commissione Agricoltura: “Farm