Francia, il glifosato si può spruzzare a 5 metri dalle case

Il decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale a fine anno, è entrato in vigore il 1° gennaio.

di Redazione


Glifosato, l’anno si apre con una spiacevole novità. In Francia è appena stato da poco approvato il decreto che fissa le distanze minime da tenere tra i campi trattati col pesticida più discusso al mondo, e di proprietà della Bayer, e le case. Una distanza davvero minima: tra i cinque e i dieci metri. Il decreto, approvato il 29 dicembre, è entrato in vigore il 1° gennaio 2020.

Nonostante associazioni e movimenti di consumatori chiedessero una zona off limits di almeno 150 metri. Nulla di fatto. Per le colture basse, tra cui rientrano i cereali e numerosi ortaggi, i pesticidi potranno essere usati anche a cinque metri di distanza dalle case, mentre la distanza da rispettare per le coltivazioni più alte è di soli dieci metri.

LEGGI ANCHE  La Bayer sborsa 11 miliardi di dollari per arginare la frana glifosato

I pesticidi inclusi tra quelli considerati più pericolosi dovranno invece rispettare una distanza di 20 metri dalle abitazioni. L’elenco dei fitofarmaci ritenuti pericolosi rappresenta però solo lo 0,3% dei pesticidi utilizzati e non include il glifosato, nonostante questo sia stato classificato dall’Organizzazione mondiale della sanità come probabilmente cancerogeno. E in barba alla volontà espressa in passato dal governo francese di voler mettere al bando il glifosato a partire dal 2021 per tutelare la salute e la sicurezza di cittadini e agricoltori

Altri articoli

Farmer’s Footprint documenta l’alternativa al modello della chimica intensiva: le storie delle famiglie contadine all'avanguardia del processo di

La presidente di FederBio ai microfoni di Radio24: il bio protegge in primo luogo gli agricoltori di Maria Pia Terrosi “Le api sono fortemen

In tempo di pandemia il sistema immunitario dovrebbe essere nelle migliori condizioni. Ecco come il glifosato indebolisce la resistenza del nostro org

Il  Centro di consulenza altoatesino per la fruttiviticoltura invita a fare scorte di questo insetticida, dimenticando le ragioni per cui è stato ba