Pac: lo stato di salute dell’agricoltura in Europa

Il 7% della superficie agricola in Europa è biologico: Italia ai primi posti con il 15%. Diminuisce il tasso di povertà nelle aree rurali

di Redazione


Due buone notizie per l’agricoltura in Europa: cresce la coltivazione biologica e diminuisce il tasso di povertà nelle aree rurali. Questi tra i dati emersi dall’ultima valutazione sulle prestazioni della Politica agricola comune europea  (Pac),  una delle politiche comunitarie di maggiore importanza, visto che impegna circa il 39% del bilancio dell’Unione europea.

Complessivamente nella Ue la superficie agricola coltivata con metodi biologici ha raggiunto una percentuale del 7%: 12,6 milioni di ettari nel 2017 rispetto agli 11,9 milioni di ettari nel 2016 (6,7% del totale). In testa l’Austria che nel 2017 ha il 23% della superficie agricola coltivata bio, seguita da Estonia e Svezia – rispettivamente al 19,6 e 19,2% – e quindi dall’Italia che ha raggiunto una percentuale del 14,9%.  La tendenza alla crescita del biologico interessa anche la coltivazione del riso: l’area di risicoltura biologica ha raggiunto 22.964 ettari su una superficie totale di 440.000 ettari, pari al 5%.

Agricoltura, c’è anche un’altra buona notizia…

Un’altra buona notizia riguarda l’aumento delle aree di interesse ecologico. Le Efa, aree di seminativi a beneficio della biodiversità, sono passate da 11,1 milioni di ettari nel 2016 a 11,4 milioni di ettari nel 2017. Stabili, invece, le emissioni di ammoniaca dal settore agricolo (3,61 milioni di tonnellate nel 2016), dovute principalmente all’utilizzo esteso dei fertilizzanti sintetici e organici e dalla gestione degli allevamenti.

Per quanto riguarda le aree rurali, i dati legati all’agricoltura mostrano un calo dei tassi di povertà del 2% tra il 2016 e il 2017 (dal 26% al 24%). Nello stesso periodo il tasso di occupazione nelle aree rurali è aumentato del 2% passando dal 66% al 68%.

I risultati della valutazione dell’efficacia della Pac in relazione ai suoi obiettivi primari (produzione alimentare praticabile, gestione sostenibile delle risorse naturali e azione per il clima e sviluppo territoriale equilibrato) ottenuti dall’esame di 178 indicatori saranno utili anche per la formulazione della nuova Pac .

Altri articoli

Nuovo appuntamento con “Restiamo in campo”, la rubrica che dà voce al mondo biologico ai tempi del Covid19, con Matteo Cauzzi della Società agri

allevamenti

Il benessere animale come base per scongiurare la diffusione di virus. È questa la proposta del nuovo, più stringente, standard per gli allevamenti

L’Europa investe quattro volte di più nell’allevamento degli animali che nella coltivazione delle piante. Lo rivela un report pubblicato il 1° a

cibo

Per contenere il riscaldamento globale occorre ripensare il modo con cui produciamo gli alimenti. Lo afferma una ricerca anglo-americana pubblicata su

LEAVE YOUR COMMENTS