Troppi antibiotici e pesticidi nel latte

Negli Usa il 60% del latte convenzionale mostra un alto livello di contaminanti, compreso l’ormone della crescita

di Goffredo Galeazzi


Negli Stati Uniti nel 60% dei campioni di latte convenzionale sono stati rilevati residui di antibiotici – due dei quali illegali negli Stati Uniti e vietati dalla produzione di latte – e di pesticidi. Il latte biologico invece non ha mostrato residui né di antibiotici né di pesticidi in nessuno dei campioni analizzati. Nel latte comune sono inoltre emersi residui di ormone della crescita bovino (bGH) fino a 20 volte più alti rispetto al latte organico. Questi risultati emergono da un nuovo studio condotto dai ricercatori della Emory University, in collaborazione con The Organic Center.

Latte, anche atrazina e clorpirifos

I ricercatori hanno condotto test per rilevare la presenza di un’ampia varietà di pesticidi attualmente utilizzati nella produzione lattiera convenzionale. Tutti i campioni di latte biologico testati non presentano residui di pesticidi. Al contrario, i test sul latte convenzionale hanno mostrato residui di diversi pesticidi nel 26-60% dei campioni. Questi pesticidi includevano atrazina (26%), clorpirifos (59%), cipermetrina (49%), diazinone (60%) e permetrina (46%). In particolare il latte comune è risultato positivo al clorpirifos nel 59% dei campioni. Il clorpirifos è associato a problemi di sviluppo nei neonati e nei bambini. Negli Stati uniti sono state imposte restrizioni all’uso di clorpirifos in ambienti residenziali già nel 2000. Il pesticida è vietato in agricoltura dal 2018, ma l’amministrazione Trump ha fatto ricorso contro il divieto.

Antibiotici nelle vacche in lattazione

Poiché l’uso eccessivo di antibiotici può aumentare la resistenza a questi antibiotici e renderli meno efficaci sia per gli uomini che per gli animali, la Food and Drug Administration (FDA) ha stabilito limiti sui livelli di antibiotici nel cibo. In questo studio, gli antibiotici sono stati rilevati nel 60% dei campioni di latte convenzionale. Il 37% dei campioni è risultato positivo per la sulfametazina e il 26% per il sulfathiazole, entrambi vietati nelle vacche in lattazione. Uno dei campioni conteneva residui di amoxicillina che superavano il limite consentito dal governo federale. “La presenza di antibiotici nella fornitura di cibo ha sollevato preoccupazioni sul loro possibile ruolo nell’aumentare la resistenza agli antibiotici e le reazioni di ipersensibilità”, si legge nello studio.

Sebbene non vi sia alcun limite federale per gli ormoni della crescita nel latte, lo studio ha rilevato che i livelli dell’ormone della crescita bovino (bGH) sono 20 volte più elevati nel latte convenzionale rispetto all’organico. Poiché gli ormoni della crescita sono prodotti naturalmente dai bovini da latte, ci si può aspettare un livello base di bGH in tutti i campioni. I residui “drammaticamente più alti trovati nel latte convenzionale suggeriscono che la differenza riflette l’uso di ormoni della crescita sintetici” nel settore lattiero-caseario.

Al contrario, emerge che il biologico è un’alternativa semplice per evitare i contaminanti nel latte, offrendo ai consumatori un’opzione priva di antibiotici, pesticidi e ormoni sintetici comunemente usati.

Latte, la presenza diffusa e pervasiva

“I consumatori possono sentirsi sicuri nella scelta del latte biologico – ha commentato Jessica Shade direttore dei programmi per il centro biologico – questo studio rileva che la presenza di antibiotici e pesticidi nel latte convenzionale è molto più diffusa e pervasiva di quanto si pensasse in precedenza e che il latte biologico non contiene nessuno di questi contaminanti”. 

 

LEAVE YOUR COMMENTS