Bio e inclusione

biologico

Si chiama Pappaluga e si trova a Gemonio, in provincia di Varese. È un’impresa agricola che si basa sulla “bioinclusività”. Cosa significa? Vuol dire, come si legge sul sito dell’impresa, “integrazione di ragazzi con disabilità cognitiva, intellettiva e relazionale nel mondo del lavoro agricolo biologico e biodinamico, seguendo i principi della permacultura.”
L’iniziativa nasce da un’idea personale del fondatore, Davide Macchi, e padre di una persona con disabilità cognitiva, “nel dare lavoro vero, dignitoso, e retribuito a persone che non avrebbero altre possibilità”.
E la scelta è ricaduta proprio sul bio. I prodotti coltivati sono erbe aromatiche, zucchine, spinaci, pomodori, cavoli, cipolle rosse, lamponi, fragole. La vendita è all’ingrosso e attualmente l’azienda ha assunto 15 ragazzi.
Il progetto rientra in quanto stabilito dalla legge 68/99 che riguarda l’inserimento lavorativo delle persone disabili e si basa sull’adozione lavorativa a distanza: le aziende finanziano l’impresa agricola e adempiono così al loro obbligo di assunzione di persone disabili. Ma questo “non è un progetto filantropico, è un’azienda vera e un progetto editoriale”, spiegano ancora i promotori.
Da Nord a Sud, il biologico diventa così un’opportunità anche per le persone con disabilità. In località Fieri di Belcastro, nel catanzarese, infatti, si trova la cooperativa sociale Agrama. Il suo obiettivo è potenziare l’attività in serra attraverso l’installazione di un impianto di coltivazione idroponica biologica per rafforzare l’inserimento lavorativo di persone con disabilità intellettiva. Inclusione e biologico, insomma, vanno a braccetto.

Altri articoli

Pesticidi

Presentato oggi il dossier “Stop pesticidi” di Legambiente. La situazione non migliora: bisogna approvare subito la legge sul bio Ogni anno in It

legge sul biologico

Il Senato ha approvato in via definitiva il disegno di legge sul biologico n. 988 “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della

Milano, 9 marzo 2024. In Europa non si arresta la crescita dell’agricoltura biologica, e l’Italia si conferma sempre più come una vera e propria

sicurezza alimentare

Due recenti studi Usa confermano l’esperimento sociale condotto da Cambia la Terra nel 2017. Bastano pochi giorni di dieta biologica per eliminare (