Biodistretto dell’Amerina: tagli ai pesticidi per nocciole e castagne

transizione agroecologica

Cinque Comuni vogliono favorire la transizione agroecologica

Ridurre l’impiego di fitofarmaci nella coltivazione di nocciole e castagne e favorire la transizione agroecologica nel biodistretto della valle Amerina. Questo l’obiettivo del progetto sostenuto dalla Regione Lazio e dall’Arsial – Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l’Innovazione dell’Agricoltura del Lazio – che punta a ridurre l’uso di input chimici esterni, migliorare la qualità delle filiere delle castagne e delle nocciole, proteggere la salute degli agricoltori e dei cittadini, tutelare l’ambiente e le sue risorse. 

Cinque i Comuni del biodistretto coinvolti : tre Comuni dei Cimini (Vallerano, Vignanello, Canepina) e due (Gallese e Corchiano) della bassa Tuscia. Alla base del progetto la convinzione che per favorire davvero il passaggio all’agricoltura biologica e ridurre l’uso dei pesticidi le amministrazioni comunali devono cambiare ruolo. Non limitarsi a far rispettare le normative anti pesticidi attraverso il controllo sul territorio, ma diventare parte attiva fornendo un supporto costante agli agricoltori. 

“Il problema è che in molti casi i Comuni hanno emanato ordinanze rigorose in materia di pesticidi, ma poi non riescono a fare le verifiche”, commenta Famiano Crucianelli, presidente del biodistretto della via Amerina. Questo progetto cambia la prospettiva. “Ad esempio non è l’agricoltore a decidere come, quando e quali trattamenti fare, ma è l’amministrazione comunale a dare queste indicazioni sulla base del lavoro svolto dagli agronomi. Già passare dai trattamenti a calendario a quelli applicati solo quando c’è il patogeno riduce fortemente l’utilizzo di fitofarmaci”, aggiunge Crucianelli. 

Il progetto prevede infatti:

  •  l’attivazione di due sportelli informativi dove gli agricoltori potranno trovare assistenza tecnico scientifica sui disciplinari di produzione integrata e biologica;
  • il monitoraggio in circa 70 aziende dei 5 Comuni aderenti ai progetti sulla cimice asiatica e altri attacchi patogeni e di parassiti; 
  • l’emissione di bollettini settimanali sia specifici per le aziende biologiche che convenzionali per i trattamenti fitosanitari;
  • incontri educativi e formativi destinati alle aziende agricole. 

 

 

 

Altri articoli

blockchain

Nel giro di 5 anni nell'agroalimentare il mercato legato alla blockchain potrebbe aumentare di quasi 7 volte Uno dei primi prodotti alimentari per cu

api

Un report del Wwf sottolinea la minaccia di perdita di biodiversità anche per specie dimenticate Complessivamente il 64% dei terreni agricoli è a r

federbio

Il presidente di Federbio,  Maria Grazia Mammuccini, rilancia l’annuncio del senatore Vallardi al forum organizzato da Legambiente. Rossella Muroni

L’Unione europea studia il piano sulla biodiversità che verrà presentato a marzo. È proprio nella bozza che al momento è contenuto l’ambizioso