Alveari sentinella per disegnare l’identikit dei killer delle api

api

Presentato dall’Efsa alla commissione Ambiente Ue un progetto per valutare gli stress che colpiscono le api 

Alveari sentinella per individuare e valutare in maniera sinergica gli stress ambientali, chimici e biologici che colpiscono le api mellifere in Europa. Un progetto che fa parte di Must B (Multiple Stressors in Bees), la proposta elaborata dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare e presentata agli eurodeputati della commissione Ambiente. Must B punta a valutare in un unico quadro più fattori di rischio per le api: chimici, biologici, correlati a fattori ambientali come il cambiamento climatico e le pratiche agricole. 

Il monitoraggio si basa su una rete di alveari sentinella posizionati in diverse zone climatiche e paesaggi rappresentativi nell’Unione europea.  I dati raccolti, relativi alle colonie e al loro ambiente, verranno inviati a una piattaforma di analisi basata su un sistema di modellazione, ApisRam, che simula una colonia di api mellifere nel modo più accurato possibile. Il sistema è in grado di studiare gli effetti sulle api dell’esposizione a pesticidi, parassiti e virus e a cocktail di sostanze chimiche. 

L’approccio olistico del modello potrebbe rendere più efficaci le valutazioni del rischio legato ai diversi fattori di stress rivelandosi uno strumento utile per l’apicoltura, il benessere delle api, l’agricoltura e l’ambiente.

Nella strage delle api non c’è infatti un unico colpevole. La diminuzione del numero delle api registrata negli ultimi 15 anni in Europa, in particolare in Francia, Belgio, Svizzera, Germania, Regno Unito, Paesi Bassi, Italia e Spagna non è riconducibile a una sola causa.

Ci sono diversi fattori concomitanti che agiscono in combinazione fra loro o separatamente. Tra questi: gli effetti dell’agricoltura intensiva e dell’uso di pesticidi, lo scarso nutrimento a disposizione delle api legato alla frammentazione e perdita degli habitat naturali, i virus, gli attacchi di agenti patogeni e delle specie invasive come l’acaro Varroa e  il calabrone asiatico.

Altri articoli

Parlamento Europeo

La petizione delle associazioni agricole tra cui Aiab passa alla Commissione per un'analisi ulteriore L’atteggiamento dell’Italia sui nuovi Ogm n

Rossella Muroni nel questione time incalza la ministra delle Politiche agricole Teresa Bellanova: con la linea europea l’Italia ha tutto da guadagna

In grado di arricchire il terreno di azoto, le colture di piante leguminose sono un’ottima risorsa per la fertilizzazione bio dei terreni agricoli.

Uno studio rileva che sono a rischio di estinzione le varietà selvatiche delle colture più importanti del mondo, considerate cruciali per la sicurez