Se il pericolo si nasconde dietro un filo d’erba

pesticidi

Un recente studio dell’istituto Ramazzini dimostra come anche l’erba di scuole e parchi giochi in Alto Adige sia contaminata da pesticidi

di Maria Pia Terrosi

Non solo coccinelle e formichine:  nell’erba di molti giardini di scuole e parchi si rischia di trovare anche residui di pesticidi.  E’ quello che è emerso da uno studio condotto insieme dall’istituto Ramazzini di Bologna, dal servizio sanitario altoatesino e da Pan Europe che hanno  analizzato 96 campioni di erba prelevati in 24  siti  in Alto  Adige – giardini scolastici e  parchi gioco dove evidentemente non vengono utilizzati fitofarmaci – rilevando comunque la presenza di 32 diversi pesticidi.  

Un dato che ripropone il tema della contaminazione accidentale per deriva  – ricorrente in questo territorio – legata alla presenza di vigneti e frutteti trattati con pesticidi anche a poche decine di metri di distanza da scuole e giardini pubblici. Luoghi frequentati soprattutto da bambini, soggetti più sensibili all’esposizione a queste sostanze. 

La ricerca ha evidenziato come ci sia una presenza di pesticidi lungo tutto il corso dell’anno e non solo nelle stagioni in cui sono concentrati gran parte dei trattamenti sulle coltivazioni. In pratica in ogni periodo quasi tutti  (96%)  i  siti analizzati  sono risultati contaminati almeno da un pesticida, due nel 79% dei siti. 

La  situazione peggiora in primavera e in estate

In un parco gioco a Egna, a 40 metri di distanza da un campo coltivato, sono stati trovati residui di 11 diversi pesticidi. 

Nella stragrande maggioranza dei casi (76%),  i residui  rilevati sui fili d’erba sono sostanze interferenti  endocrine, cioè in grado di alterare la funzionalità del sistema ormonale provocando malattie come obesità e diabete.  In particolare l’esposizione al clorpirifos metile – rinvenuto con le maggiori concentrazioni –  nei bambini è associata a disturbi dello sviluppo neurologico come aumento del rischio di autismo e disturbo da deficit di attenzione. Tra le altre sostanze rinvenute  l’erbicida oxadiazon,  i  fungicidi captano e fluazinam. 

Per provare ad avere un riferimento – anche se è evidente che l’erba dei prati non si mangia – i ricercatori hanno confrontato i valori rinvenuti nei campioni di erba con i Lmr- Limiti massimi di residuo in lattuga, spinaci e fragole. Nel caso del clorpirifos  le concentrazioni riscontrate sono pari a  71 volte il limite per gli alimenti, per il fluazinam fino a 24 volte, per la dodina e  il captano – tutti fungicidi – rispettivamente fino a 23 e 15 volte. 

L’Alto Adige con le coltivazioni intensive di vigneti e meleti  è una delle aree europee  più esposte ai trattamenti fitosanitari. La media di 24 chili per ettaro di fungicidi, 13 di insetticidi e 0,8 di erbicidi è infatti ben più alta rispetto  a quella italiana (rispettivamente 3,55 kg/ha, 0,6 kg/ha e 0,88 kg/ha). 

Altri articoli

La deputata Rossella Muroni esprime solidarietà agli attivisti anti pesticidi dell’Alto Adige e chiede all’assessore Arnold Schuler di passare da

Accolto dall’assessorato di Bolzano l’invito rivolto da Cambia la Terra ad avviare un confronto costruttivo sulla questione pesticidi. Nel territo

Pesticidi sulla frutta

Una ricerca svolta in Alto Adige mostra che le concentrazioni di pesticidi nei luoghi pubblici sono associate alla densità dei meleti e vigneti nei d

Il commissario per i Diritti umani del Consiglio d'Europa ha condannato le azioni legali che hanno colpito Karl Bär e  Alexander Schiebel definendol