Osservatorio Sana 2020: tutti i numeri del bio

Nell’e-commerce registrato un incremento del 143%. Le vendite bio nel mercato interno italiano hanno superato i 4,3 miliardi di euro

 Continua a rafforzarsi il biologico italiano. Negli ultimi 12 mesi –  fino ad agosto 2020 – le vendite bio nel mercato interno italiano hanno superato i 4,3 miliardi di euro. Ottime anche le performance registrate nell’e-commerce dove le vendite di biologico hanno messo a segno un incremento del 143%. In crescita anche l’export con un incremento dell’8% rispetto all’anno precedente.

Questa la  fotografia scattata dall’Osservatorio Sana 2020 presentato al Sana Restart, la fiera vetrina del mondo biologico tenutasi a Bologna dal 9 all’11 ottobre scorso.

Cresce l’agricoltura bio

Per prima cosa nel 2019 è cresciuta la superficie agricola dedicata al bio: + 35.000 ettari rispetto al 2018. (+1,8%), sfiorando i 2 milioni di ettari. Un dato che conferma un trend ormai consolidato che negli ultimi 10 anni ha visto aumentare del 79% la superficie bio nel nostro Paese. Con questi numeri oggi l’Italia rappresenta il terzo Paese  europeo per superficie bio, davanti a noi in numeri assoluti solo Spagna (2,35 milioni di ettari, +4,8% rispetto al 2018) e Francia (2,241 milioni di ettari, +10,1% rispetto al 2018). Se si considera, però, il dato percentuale della superficie bio sul totale della Sau, l’Italia è in testa con il 15,8%, mentre la Spagna si ferma al 10,1% e la Francia all’8,1%. Significativa anche la crescita del numero degli operatori biologici: 80.643 nel 2019 (+2% rispetto al 2018).

I numeri del mercato biologico

Se le vendite di biologico italiano sul mercato interno hanno superato complessivamente i 4,3 miliardi di euro, di questi 3,9 miliardi sono riferibili ai consumi domestici (+7% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente) e poco meno di 500 milioni di euro all’away from home (-27% rispetto all’anno precedente). Calo da mettere in relazione con il lockdown nei pubblici esercizi e con gli effetti della didattica a distanza e dello smart working per  quanto riguarda il segmento della ristorazione collettiva.

L’andamento del mercato domestico conferma una crescente attenzione dei consumatori italiani verso i prodotti green, local e sostenibili. Ne sono conferma sia l’andamento del carrello di prodotti green nella grande distribuzione  (2,4 milioni di euro nel 2019, +5% rispetto al 2018), sia il progressivo incremento delle famiglie acquirenti. Nel 2020 infatti l’88% delle famiglie ha avuto almeno una occasione di acquisto di un prodotto bio rispetto al  53% del 2012.

Il boom delle vendite on-line

Crescita a 3 cifre invece per l’e-commerce. Qui le vendite di biologico – che rappresentano il 7% del totale e-grocery – hanno registrato un incremento del 143%: decisamente superiore a quello delle vendite online di prodotti alimentari in generale (+125%). Le vendite di bio dell’e-commerce anche a lockdown concluso hanno continuato a mantenere un ritmo di crescita elevato riportando un +182% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente  (contro un +172% dell’e-grocery).

 

 

 

Altri articoli

La presidente di Federbio in audizione al Senato, "testo equilibrato, sostiene il settore del biologico". di Redazione "Ci pare molto importan

Nell’isola, già prima regione italiana per numero di aziende agricole biologiche, si discute un disegno di legge che punta all’eliminazione di tu

E’ partito il Tour delle città libere dai pesticidi. Tallin, Lisbona e Zagabria tra le ultime adesioni di Maria Pia Terrosi Sono ormai diventati

pac

Alla ripresa dei negoziati sulla Pac, l’Eeb indica 10 punti essenziali da tenere sotto controllo per essere sicuri che la nuova Pac sia allineata ag