Alto Adige: l’Unione europea difende la libertà di opinione

Il commissario per i Diritti umani del Consiglio d’Europa ha condannato le azioni legali che hanno colpito Karl Bär e  Alexander Schiebel definendole un abuso del sistema giudiziario

Di Maria Pia Terrosi

Abuso del sistema giudiziario. Così Dunja Mijatovic, commissario per i Diritti umani del Consiglio d’Europa, ha definito le querele per diffamazione contro Karl Bär e Alexander Schiebel. In una presa di posizione pubblicata ieri sul sito del Consiglio d’Europa, il commissario europeo cita proprio il caso delle denunce dell’assessorato all’Agricoltura sudtirolese contro i due attivisti antipesticidi annoverandolo tra i casi di Slapp (Strategic Lawsuit Against Public Participation).

È una vicenda di cui Cambia la Terra si è occupata più volte (qui tutti gli articoli). Alexander Schiebel  – scrittore e cineasta austriaco, autore del libro “Das Wunder von Mals” – e Karl  Bär – referente per la politica agricola dell‘Umweltinstitut München – sono stati querelati dall’assessore altoatesino Arnold Schuler e da molti agricoltori in quanto accusati di aver danneggiato l’immagine del loro lavoro e dell’intero Alto Adige. Vicenda finita in tribunale che ha già tenuto la prima udienza.

L’uso massiccio di pesticidi in Alto Adige è un fatto reale e incontrovertibile. Nella provincia di Bolzano la vendita di pesticidi in rapporto alla superficie trattabile supera di oltre sei volte la media nazionale. Per questo i due attivisti sostengono che l’accusa contro di loro è rivolta a colpire il loro impegno di informare e sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema. Cioè è un attacco alla libertà di espressione il cui vero obiettivo è silenziare il dibattito pubblico sull’uso di  pesticidi in Alto Adige.

Proprio quanto ora sostiene il commissario Dunja Mijatovic. “In un caso in corso in Alto Adige, l’assessore provinciale all’Agricoltura e coltivatori di mele hanno avviato procedimenti penali contro attivisti ambientali e l’editore di un libro che ha denunciato gli alti livelli di utilizzo di pesticidi nella regione”, scrive Mijatovic. “E’ uno degli esempi”, prosegue il commissario, “di azioni legali volte a  intimidire e mettere a tacere le voci critiche. Queste cause rappresentano una minaccia significativa e crescente al diritto alla libertà di espressione in diversi Stati membri del Consiglio d’Europa, fuorviando il sistema giudiziario e lo stato di diritto più in generale”.

“Il Commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa fa rientrare chiaramente le accuse contro di me, il consiglio direttivo dell’Umweltinstitut, Alexander Schiebel e l’editore Jacob Radloff nei casi di attacco alla libertà di espressione”, ha commentato Karl Bär, referente dell’Umweltinstitut di Monaco.

Altri articoli

Il movimento francese Nous voulons des coquelicots ha chiesto di fermare l'uso di pesticidi per non  aggravare la diffusione del virus di Maria Pia

Un preciso atto di accusa: le misure adottate non hanno garantito la protezione degli impollinatori di Goffredo Galeazzi Le misure adottate da

cibo

Per contenere il riscaldamento globale occorre ripensare il modo con cui produciamo gli alimenti. Lo afferma una ricerca anglo-americana pubblicata su

api

Un altro episodio conferma che per salvare le api occorre cambiare modello agricolo  Tra l'8 ed il 12 agosto, in soli 4 giorni, sono morte almeno 8