I Comuni Virtuosi diventano Città Libere dai Pesticidi

Nasce l’alleanza tra la rete europea delle Città Libere dai Pesticidi e l’Associazione Comuni Virtuosi

di Maria Pia Terrosi


Al via la partnership tra la rete europea delle Città Libere dai Pesticidi e l’Associazione Comuni Virtuosi. Un’alleanza che nasce dalla volontà di collaborare concretamente per migliorare la qualità della vita dei cittadini e per proteggere la biodiversità dei territori. Nella consapevolezza – accresciuta in questo periodo di pandemia  – di quanto sia delicato l’equilibrio che lega l’uomo alla natura e delle conseguenze disastrose determinate dalla rottura di questo equilibrio.

In questo momento, infatti, è più che ormai opportuno rivedere i nostri stili di vita e preferire, anche nelle scelte di viaggio, località sostenibili e pesticide free,  per scoprire o riscoprire le tante bellezze naturali vicino a noi, i prodotti tipici dei territori e per sperimentare il potere benefico della natura sul nostro benessere mentale e fisico.

In questi anni è cresciuta la consapevolezza da parte dei cittadini europei dei pericoli derivanti dall’esposizione ai pesticidi, soprattutto per i soggetti più vulnerabili come bambini e nascituri. Da questa consapevolezza è nata la Rete delle Città Libere dai Pesticidi, che conta circa 50 Comuni italiani. Una rete per scambiarsi buone pratiche, per avere visibilità europea, per formarsi e informarsi sulle pratiche sostenibili nella gestione del verde urbano”, spiega Michela Bilotta, coordinatrice del progetto per l’Italia. “Nella scelta della destinazione di vacanza, sapere che il luogo che ci ospita non utilizza pesticidi chimici è un forte attrattore, soprattutto per le famiglie con bambini, più vulnerabili all’esposizione ai pesticidi”.

Nato da Pan Europe, Città Libere dai Pesticidi è un network europeo che ha l’obiettivo di creare una piattaforma di Comuni che vietano l’uso dei pesticidi chimici nelle aree verdi urbane, come parchi, aiuole, cimiteri, campi sportivi.

L’Associazione dei Comuni Virtuosi  è una rete di enti locali  che opera a favore di una gestione sostenibile del territorio sperimentando buone pratiche e attuando progetti concreti  ed economicamente validi.

Altri articoli

I cittadini europei possono firmare per chiedere alla Commissione europea maggiore impegno per un’agricoltura amica degli agricoltori e dell’ambie

A lanciare l'allarme è la Fao con il primo Rapporto sullo Stato della biodiversità nel mondo. Sono oltre 6 mila i tipi di piante coltivate a scopo a

Fuori norma il 16% delle aziende agricole e il 24% dei negozi di vendita degli agrofarmaci: la campagna dei carabinieri forestali nella provincia di C

suolo

Intervista a Salvatore Ceccarelli: l’errore è trattare il terreno come un contenitore in cui versare fertilizzanti e pesticidi Di Maria Pia Terros