Croazia, 50 milioni di api uccise dai pesticidi

E’ accaduto nella contea di Medimurje. Sotto accusa i trattamenti fitosanitari di colza e patate

di Redazione


Continua la moria di api e il declino delle popolazioni mondiali di impollinatori. Questa volta a lanciare l’allarme sono gli ambientalisti croati. Secondo le stime, sarebbero oltre 50 milioni gli insetti morti e 600 gli alveari distrutti in Croazia. Per essere precisi, il territorio è quello della contea settentrionale di Medimurje al confine con l’Ungheria. Ancora una volta a finire sotto accusa sono i pesticidi e l’uso massiccio di fitofarmaci che si è fatto nelle coltivazioni adiacenti agli alveari. Si tratta soprattutto di campi di colza e patate.

Si parla apertamente di disastro ambientale e il governo di Zagabria ha deciso di fare chiarezza sull’accaduto aprendo un’indagine per analizzare i campioni delle api morte ma anche di miele, frutta e verdura prodotti nelle vicinanze. All’Istituto di sanità pubblica della contea di Medimurje sarà affidata l’indagine sui campioni di miele. Mentre l’Istituto di farmacologia e tossicologia della facoltà di veterinaria di Zagabria si occuperà di risalire alle cause della moria delle api.

Vale la pena ricordare che gli impollinatori garantiscono la riproduzione del 78% delle specie di fiori selvatici e dell’84% delle specie coltivate nell’Unione Europea. Gran parte della frutta e della verdura che consumiamo dipende dalle api. Il loro declino ha quindi una diretta conseguenza anche sull’economia: si stima che la produzione agricola europea resa possibile grazie agli impollinatori valga 15 miliardi di euro all’anno.

Altri articoli

Anche chiusi in casa possiamo firmare la petizione europea per mettere al bando i pesticidi e tutelare la sopravvivenza degli impollinatori. Mammuccin

Allarme di FederBio. Solo in Europa danno da 15 mld l'anno.  Il 20 maggio Giornata mondiale delle api: una firma può aiutare a salvarle di Barbara

La procura di Udine notifica gli atti di fine indagine agli utilizzatori di mesurol 500, l’insetticida usato impropriamente per la concia delle sem

Commissione e Parlamento europeo hanno esteso al 31 marzo 2021 il termine per la raccolta di firme dell’Iniziativa dei cittadini europei “Salviamo