Commissione Ue, ok a bando clorpirifos

Vietato dal 31 gennaio. Il provvedimento sarà pubblicato nella Gazzetta ufficiale europea nei prossimi giorni

di Redazione


La Commissione europea ha adottato il regolamento per lo stop alla licenza per il mercato europeo dei pesticidi clorpirifos e clorpirifos metile. Il provvedimento sarà pubblicato nella Gazzetta ufficiale europea nei prossimi giorni. I paesi Ue avevano dato l’ok a dicembre alla proposta della Commissione, a seguito della conferma, da parte dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), di danni sulla salute umana, in particolare genotossicità ed effetti neurotossici per lo sviluppo.

Quindi dalla fine di gennaio 2020 clorpirifos e clorpirifos metile non saranno più legali nell’Unione europea. La decisione di eliminare clorpirifos e clorpirifos metile è stata presa dallo Scopaff (Comitato permanente per le piante, gli animali, gli alimenti e i mangimi) riunito lo scorso 6 dicembre, a conclusione di una vicenda che, tra un rinvio e l’altro, va avanti da anni.

Il clorpirifos, commercializzato per la prima volta nel 1965 dalla Dow Chemicals (oggi Corteva dopo la fusione con DuPont), è un insetticida organofosfato, e il suo utilizzo, diffuso su frutta, verdura e cereali, è stato associato a danni allo sviluppo intellettivo dei bambini, all’autismo e a danni al sistema endocrino.

Lo scorso agosto l’Efsa, rispondendo a una richiesta della Commissione, ha stabilito che i dati indicano anche un potenziale danno al Dna e che quindi sono venute meno le condizioni per prolungarne la licenza. Licenza che scade il 31 gennaio, dopo due proroghe negli ultimi sei anni (nel 2013 e nel 2018). Sono ammessi tre mesi di tolleranza per permettere ai commercianti e agli agricoltori di smaltire le scorte.

Altri articoli

La revisione delle raccomandazioni sulla valutazione del rischio da pesticidi per le api, pubblicate nel 2013, è stata sollecitata dalla Commissione

Le coltivazioni intensive di nocciole nel Viterbese intorno ai laghi di Vico e Bolsena sono al centro di  un’interrogazione rivolta alla Commission

Uno studio italo-francese: la biodiversità delle erbe infestanti che convivono con le colture agrarie contribuisce a ridurre le perdite di pro

Mammuccini: fondamentale la sua tutela soprattutto in un momento delicato come quello attuale, caratterizzato da una crisi senza precedenti. Anche Ita