Interferenti endocrini, il rapporto shock al governo francese

Tre agenzie pubbliche francesi hanno pubblicato un rapporto che evidenzia la mancanza di investimenti per combattere le sostanze chimiche che possono modificare il sistema ormonale. Oltre a rafforzare la ricerca, ridurre l’esposizione per le popolazioni a rischio e monitorare l’ambiente, le tre istituzioni sollecitano il governo ad agire a livello comunitario per modificare le normative europee

di Goffredo Galeazzi


Molte limitazioni su alcune questioni “importanti per la salute e l’ambiente”. La riduzione delle risorse nazionali dedicate alla ricerca dal 2014 ha indebolito la comunità scientifica sul tema degli interferenti endocrini. Critiche all’azione a livello europeo, in particolare della Commissione di Bruxelles, mettendo in discussione la “credibilità” dell’azione comunitaria.

E’ un rapporto shock di valutazione della strategia nazionale sugli interferenti endocrini quello che l’Ispettorato generale degli affari sociali (IGAS), il Consiglio generale per l’ambiente e lo sviluppo sostenibile e il Consiglio generale per l’alimentazione, l’agricoltura e gli spazi rurali hanno consegnato ai ministri francesi.

Il testo tanto atteso commissionato ad agosto 2017 dal governo francese, e che Le Monde ha potuto consultare, non è stato ancora reso pubblico. Mentre traccia una valutazione positiva dell’azione dello Stato dal 2014 in questo settore, mette in evidenza molte limitazioni su alcune questioni, descritte come “importanti per la salute e l’ambiente” . I relatori si mostrano anche molto critici nei confronti dell’azione a livello europeo, in particolare della Commissione di Bruxelles, e mettono in discussione la “credibilità” dell’azione comunitaria.

Il rapporto delle tre istituzioni è uno dei primi documenti ufficiali che riassumono, in linguaggio non tecnico, la portata dei problemi posti dai interferenti endocrini (IE), descritti come fonte di “molto forti esternalità negative”.  Gli interferenti endocrini comprendono un’ampia famiglia di prodotti che l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha definito nel 2002 come “sostanze esogene o miscele che altera la funzione del sistema endocrino, provocando di conseguenza un effetto deleterio sulla salute di un individuo, la sua progenie o sub-popolazioni “ .Queste sostanze – pesticidi, plastificanti, solventi, ecc. – sono presenti in un’ampia varietà di oggetti o prodotti di uso quotidiano e nella catena alimentare.

Lo studio indica i progressi scientifici sui pericoli di queste sostanze sulla salute umana: “diminuzione della qualità dello sperma, aumento della frequenza delle anomalie dello sviluppo degli organi o della funzione riproduttiva” oltre alla comparsa di alcuni tumori ormono-dipendenti, diabete di tipo 2, obesità o autismo, i cui principali effetti si manifestano ”durante lo sviluppo embrionale, la prima infanzia e la pubertà”. Gli effetti attesi sono ritardati nel tempo o il risultato di esposizione cronica, anche se “il collegamento causale è spesso difficile da stabilire”, aggiungono gli autori.

Istituito nell’aprile 2014, la strategia nazionale per affrontare le sfide scientifiche e normative relative a queste sostanze è identificata come una delle sole tre iniziative di questo tipo in Europa, con Svezia e Danimarca. “In un contesto in cui l’Unione Europea, incaricata della regolamentazione del rischio chimico, manca di una strategia coerente, questa strategia nazionale è stata molto tempestiva per affermare la volontà politica francese di agire su un tema complesso (…) in ambito sanitario “, affermano gli autori del rapporto.

Misure per ridurre l’esposizione delle popolazioni (in particolare al bisfenolo A), formazione degli operatori sanitari, investimenti nella ricerca scientifica, identificazione delle sostanze più problematiche sono le linee guida della strategia francese considerare dalle tre istituzioni. I relatori osservano che anche se la ricerca condotta in Francia sugli IE ha prodotto risultati, tuttavia è minacciata dall’esaurimento dei finanziamenti. “La riduzione delle risorse nazionali dedicate alla ricerca dal 2014, aggravata dagli sviluppi a livello europeo (…), ha indebolito la piccola comunità scientifica che si è formata negli ultimi anni sul tema degli IE”, aggiungono gli autori.

Gli esperti sottolineano inoltre la necessità di tenere conto dei rischi associati agli effetti cocktail. Alcune sostanze non sono necessariamente IE in sé, ma diventano in contatto con altre molecole. “La ricerca degli ultimi anni mette in discussione il ragionamento convenzionale della tossicologia”, si legge nella relazione, perché “la nozione di effetto dose non è sempre pertinente”. E più avanti: “poiché la quantità di ormoni necessari per il funzionamento del sistema endocrino è estremamente bassa, l’interruzione dell’ormone può derivare da una bassissima concentrazione di sostanze distruttive”, osservano i relatori, che rendono inoperante l’analisi tossicologica convenzionale della definizione delle soglie oltre le quali il prodotto diventa dannoso.

Per quanto riguarda il monitoraggio dell’esposizione della popolazione agli IE o dell’inquinamento ambientale, il rapporto lo considera “eterogeneo”, sottolineando che “il monitoraggio del suolo è quasi inesistente e il monitoraggio dell’aria è molto tardiva rispetto al monitoraggio dell’acqua, inquadrata da una direttiva europea”.

Gli impatti di queste sostanze sull’ambiente e sugli ecosistemi non sono sufficientemente studiati, sostengono gli autori, mentre storicamente, i primi effetti degli IE sono stati notati sulla fauna selvatica e “sono serviti come segnale di avvertimento per salute umana”.

I relatori sostengono che il problema non è solo sanitario o ambientale, ma ne va anche della credibilità delle autorità pubbliche. “La differenza tra la velocità dei progressi nella conoscenza scientifica e la capacità di adattamento delle normative su questo tipo di problemi emergenti rischia di minare la credibilità dell’azione comunitaria”, scrivono ancora. “Gli interferenti endocrini sono tra le situazioni di rischio caratterizzate da una mancanza di fiducia nell’azione pubblica”.

Oltre a rafforzare la ricerca, ridurre l’esposizione per le popolazioni a rischio e monitorare l’ambiente, le tre istituzioni sollecitano il governo ad agire a livello comunitario per modificare le normative europee.

Ad oggi, i testi normativi dell’UE non consentono il divieto degli IE, poiché la Commissione è rimasta indietro di oltre quattro anni nell’adottare i criteri di identificazione di queste sostanze (nel caso specifico di pesticidi ). In conclusione, la relazione sostiene il rinnovo e il rafforzamento della strategia nazionale avviata nel 2014 che deve però essere sostenuta da tutti i ministeri interessati, al di là della salute e dell’ecologia, sostengono i relatori. “Riguarda – scrivono – l’efficacia della sua attuazione e la credibilità dell’azione dello stato”.

 

LEAVE YOUR COMMENTS